NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

itzh-CNenfrdejaptrues

ARCHES un progetto europeo per superare le barriere di accesso all'arte

Con disabilità fisiche o cognitive, le categorie tradizionali come "cieco" o "difficoltà di apprendimento" sono talvolta troppo ampie e possono portare alla vittimizzazione. Il progetto ARCHES, finanziato dall'UE, guidato da VRVis, si è concentrato su una serie di esigenze di accesso, sfruttando la tecnologia attuale ed emergente per superare le barriere. Utilizzando metodi partecipativi, i ricercatori hanno creato strumenti tra cui: avatar video in lingua dei segni (una persona generata dal computer che offre informazioni in lingua dei segni), un'app del museo, un gioco per tablet orientato al museo (accessibile ai non vedenti) e il prototipo di un portatile stampante 2.5D per percezione visiva in grado di creare repliche tattili di capolavori (come i dipinti di Bruegel).

La natura interattiva di questi artefatti tattili è stata ulteriormente migliorata con l'inclusione dell'audio surround che riflette il contenuto del manufatto, sviluppato da un altro progetto di collaborazione finanziato dall'UE, PLUGGY. È stata presentata una domanda di brevetto per la stampante in rilievo. Inoltre, i servizi nazionali di previsioni meteorologiche austriache sono interessati all'avatar video in lingua dei segni.

Il progetto ha adottato un metodo di ricerca partecipativo che ha coinvolto persone con un'ampia gamma di disabilità e preferenze di accesso come co-ricercatori. "Questi partecipanti erano esperti delle loro esigenze specifiche e dell'accessibilità in generale", spiega Gerd Hesina, CEO di VRVis. "Poiché tutte le persone sono diverse e sfidano la categorizzazione, non sarebbe stato giusto chiedere loro di etichettarsi o, peggio, che lo facessero gli altri."Quando le aziende tecnologiche hanno presentato i progetti agli utenti in sessioni di test, gli utenti hanno fornito le proprie idee per funzionalità e strumenti. I risultati finali includevano un'app che guida un visitatore attraverso il museo, accompagnato da un gioco relativo alle opere d'arte del museo e una piattaforma web in cui tutto il contenuto è accessibile. Il progetto ha anche creato rilievi tattili 2.5D da manufatti museali 2D, utilizzando un processo semiautomatico in cui gli strumenti digitali generano un modello che viene poi fresato in un materiale durevole, consentendo ai visitatori di sperimentare forma, prospettiva e consistenza, attraverso il tatto. Ciò è arricchito da una guida multimediale controllata dai gesti che include descrizione audio / testo / linguaggio dei segni, paesaggi sonori, materiale visivo aggiuntivo (proiezioni, video e scansioni) e animazioni su schermo. Il team ha sfruttato le tecnologie emergenti laddove potevano, ad esempio sviluppando avatar nel linguaggio dei segni. Queste tecnologie sono state testate per design, layout, impostazioni di accessibilità, contenuto e facilità d'uso da più di 200 partecipanti in quattro gruppi di ricerca partecipativa all'interno di musei in Austria, Spagna e Regno Unito.

La tecnologia inclusiva di ARCHES aiuta a garantire non solo l'accesso del pubblico alle istituzioni culturali, ma, cosa più importante, che tutti i cittadini dell'UE siano in grado di partecipare più facilmente alle attività politiche, culturali e sociali. "Non si tratta solo di migliorare l'accesso ai servizi, ma anche di garantire che i diritti e le esigenze siano riconosciuti. Ciò implica accettare le differenze e cambiare il modo in cui lavoriamo ", afferma Hesina. "Nel complesso, i partecipanti di ARCHES hanno ritenuto che le loro voci fossero state ascoltate e per molti questo è stato un potere". Attualmente, app e giochi del progetto sono disponibili per il download da Google Play e Apple Store, per l'utilizzo nei musei partecipanti e a casa. La guida multimediale sarà esposta nei sei musei partecipanti (Museo Thyssen-Bornemisza in Spagna, Victoria & Albert Museum nel Regno Unito, KHM (Museumsverband) a Vienna, Museo Lázaro Galdiano in Spagna, The Wallace Collection nel Regno Unito e Museo de Bellas Artes de Asturias in Spagna) e viene commercializzato nei musei europei insieme ai rilievi tattili - nei prossimi mesi verrà mostrato in quattro diverse mostre solo in Austria. È stata pubblicata una guida per i musei in tre lingue, che delinea come creare e gestire un gruppo di ricerca partecipativo. L'avatar in lingua dei segni è in fase di ulteriore sviluppo nell'ambito del progetto SiMAX supportato dall'UE e sarà portato avanti dalla società SignTime.

ARCHES: sito web https://www.arches-project.eu

 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.archeomatica.it/34k9

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI  


CHNT
CHNT
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo