NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Lunedì, 05 Settembre 2016 10:46

No Borders: il primo documentario girato in 360°

Realtà virtuale, riprese a 360° e migrazione: questi gli atout di No Borders, primo documentario italiano in Realtà Virtuale, diretto da Haider Rashid che esplora la crisi dei migranti in Italia avvalendosi della partnership tecnologica di ETT S.p.A. e di cui Elio Germano è narratore ed intervistatore. Documentando l’esperienza dei volontari e degli spazi autogestiti dedicati all’accoglienza, il film si muove tra il Centro Baobab di Roma - dove molti migranti che transitano per la capitale si fermano nel loro tragitto verso nord - ed il presidio No Borders di Ventimiglia, città di frontiera diventata ormai simbolo dell’emergenza migranti e della lotta contro la chiusura delle frontiere.


Alle Giornate degli Autori a Venezia tutto questo è stato vissuto sabato 3 settembre indossando i visori che hanno permesso ai visitatori di guardare da vicino la realtà dei migranti, interagendo con essa in un modo mai sperimentato prima.
Il documentario è stato infatti presentato al pubblico in uno spazio VR, allestito da ETT, appositamente per la fruizione collettiva di questa particolare produzione cinematografica. Lo spettatore è stato fatto accomodare su una poltrona girevole e, attraverso uno speciale visore (samsung GearVr), ha potuto apprezzare l'azione a 360 gradi. Tutti i 10 visori VR sono stato gestiti e sincronizzati da uno speciale software, per conservare e valorizzare la dimensione collettiva dell'esperienza cinematografica.

 

no-borders-installazione

 

No Borders si propone di documentare l'esperienza del passaggio dei migranti in Italia, utilizzato, nella maggior parte dei casi,  come territorio di transito e breve sosta in vista di un viaggio verso il nord Europa. Il documentario si contraddistingue grazie all'immersività della realtà  virtuale,  che  consiste  nella realizzazione di un video a 360°, che  permette  di raccontare  l'esperienza  della cosiddetta "emergenza immigrazione" portando lo spettatore all'interno dei luoghi  di  passaggio  e  sosta  dei  migranti, dandogli la possibilità di esplorare gli spazi grazie  all’utilizzo di un visore. Elio Germano, attore, rapper ed attivista  sociale, fa da narratore in questo percorso di scoperta, cercando di andare oltre alla propaganda politica di sfruttamento del fenomeno migratorio, per riuscire ad esporre le ragioni profonde che spingono centinaia di migliaia  di donne e uomini a sfidare la morte pur di abbandonare guerre e miserie.

 

no-borders-visori

Il documentario è stato in parte girato la scorsa estate presso il Centro Baobab di Roma - sgomberato nel dicembre 2015  dalle  forze  dell'ordine - esempio di centro di accoglienza  autogestito dai cittadini romani, da cui sono passati numerosi migranti. Le riprese si sono poi spostate al presidio No Borders di Ventimiglia - anch'esso sgomberato  dopo  alcuni  mesi di attività - in cui i migranti venivano accolti negli ultimi giorni di viaggio sul territorio  italiano, prima del tentativo di superamento del confine francese. Il progetto, prodotto da Gruppo Cadini, Radical Plans e Gold (azienda attiva nel settore del marketing non convenzionale e della moda) ha ricevuto il supporto del bando MigrArti del MiBACT e concorrerà anche al premio MigrArti indetto dal Ministero in collaborazione con la Biennale.    

Fonte: ETT Spa (www.ettsolutions.com)

Ultima modifica il Lunedì, 05 Settembre 2016 11:31

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

itsqarhyzh-CNnlenfrdejaptrues
archeomatica su twitter
UAV Expo Europe
UAV Expo Europe
http://www.digitalmeetsculture.net

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo