NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Mercoledì, 21 Settembre 2016 09:58

Una vetrina tecnologica per il Messia di Stradivari

Dal 15 settembre al 18 dicembre il Museo del Violino di Cremona ospiterà il Messia di Stradivari, prezioso e celebre violino del liutaio più famoso al mondo.
Per l'occasione è stata realizzata una speciale vetrina per la sua conservazione ed esposizione.

La società Goppion ha realizzato una speciale vetrina verticale, ad isola, interamente realizzata in vetro,  che costituisce una derivazione delle vetrine realizzate da Goppion nel 2015  per  la Music & Tapestry Gallery dell’Ashmolean Museum di Oxford, dimora stabile fin dal 1939 del Messia, che mai prima d’ora se ne era allontanato.

Costruito da Antonio Stradivari nel 1716, epoca d’oro cui risalgono i suoi strumenti migliori, lo strumento è stato fin dalla sua origine un ‘pezzo da collezione’ , raramente suonato e così gelosamente custodito dai diversi proprietari, da essere appunto accostato al Messia - tanto atteso, ma mai comparso. E proprio alla cura con cui è stato trattato nei secoli, si deve l’eccezionale stato di conservazione che ne ha decretato la fama, con la vernice ancora intatta, quasi fosse appena uscito dalla vetrina del Maestro.

La vetrina destinata anche in futuro alle esposizioni temporanee, era chiamata a garantire parametri di conservazione e sicurezza eccellenti e in grado di soddisfare nel tempo le richieste dei diversi prestatori. Allo stesso tempo la sua collocazione in una area con pavimento in vetro e la necessità di frequenti spostamenti richiedevano che la teca avesse un peso limitato. Per queste ragioni è stata progettata e ingegnerizzata una vetrina di nuova generazione la cui struttura si avvale del sistema “platform frame” recentemente messo a punto dalla Goppion (in corso di brevetto).

Si tratta di un telaio portante, costituito da un pianale realizzato con travi orizzontali in alluminio collegate da giunti angolari in lega. Il peso delle lastre vetrate si scarica sui giunti, liberando da sollecitazioni significative le travi orizzontali, a vantaggio della stabilità e della robustezza della costruzione. L’uso dell’alluminio comporta un notevole alleggerimento della struttura.

Un telaio analogo, ancor più leggero, costituisce il cappello della vetrina che alloggia l’impianto di illuminazione a spot LED perimetrali.

All’insegna della versatilità e della flessibilità, l’allestimento interno consiste in due plinti metallici di altezza diversa, facilmente intercambiabili per consentire l’esposizione di manufatti sempre diversi. Un binario collocato all’interno del cappello e dotato di un gancio metallico scorrevole consente di regolare l’altezza del cavo cui viene agganciato lo strumento esposto.

Fonte: Goppion

Ultima modifica il Mercoledì, 21 Settembre 2016 10:03
itsqarhyzh-CNnlenfrdejaptrues
archeomatica su twitter
Technology for All 2017
Technology for All 2017
http://www.digitalmeetsculture.net

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo