NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

A Recanati inaugura il Museo dell'Emigrazione Marchigiana

Museo dell'Emigrazione Marchigiana di RecanatiVerrà inaugurato lunedì 9 Dicembre 2013 alle ore 17.30, a Recanati, presso i Musei Civici di Villa Colloredo Mels il Museo dell’Emigrazione Marchigiana, realizzato dal Comune di Recanati e dalla Regione Marche grazie al cofinanziamento del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Divile Nazionale. Il Museo dell’Emigrazione Marchigiana è stato curato da ETT, che "si propone di presentare e valorizzare le testimonianze che raccontano, attraverso le storie umane, la vicenda emigratoria degli oltre 700.000 Marchigiani che, in passato, hanno lasciato la Regione per cercare migliori condizioni di vita oltreoceano o nel Nord Europa".

Tre sono i livelli logici sovrapposti su cui è concepito l'allestimento del museo:
"Un primo livello di sfondo che racconta il contesto generale dell’emigrazione su nove ambienti (la decisione di partire, la preparazione del viaggio, il porto, il viaggio in ferrovia, la miniera, le mete migratorie, l’emigrazione di genere, storie di successo, il legame e la sinergia contemporanea tra gli Emigrati e le Marche). La narrazione è affidata a gigantografie che accompagnano il visitatore in tutto il percorso.
Un secondo livello che contestualizza i nove ambienti alla situazione marchigiana, reso per mezzo di pannelli didascalici che illustrano il significato degli ambienti con riferimenti specifici alla realtà regionale.
Un terzo livello di esposizione del materiale (oggetti e documenti) che racconta la vicenda migratoria con testimonianze dirette".
In questo livello s’inseriscono "le postazioni multimediali, progettate e realizzate da ETT, dove le testimonianze dei protagonisti del fenomeno migratorio sono presentate per mezzo di innovativi sistemi di comunicazione e con strumenti di ultima generazione che da un lato, accompagnano il visitatore in un “viaggio” immersivo dal forte impatto emotivo, dall’altro consentono un agevole approfondimento del materiale esposto".

 

Fonte: ETT

 

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo