NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Mercoledì, 10 Gennaio 2018 16:57

La fotogrammetria per ricostruire il mondo in 3D, mappare il territorio e far rivivere monumenti distrutti

Redazione Archeomatica

Conferenza di Fabio Remondino della Fondazione B. Kessler di Trento che si terrà nella Aerofototeca Nazionale 18 gennaio 2018 alle ore 18:00

Sede della conferenza è l'Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione, Via di San Michele, 18 - 00153 Roma

Riportiamo l'introduzione alla serie di conferenze in corso:

"A che serve volare

Diceva Eugenio Turri, uno dei più grandi geografi italiani, che "la Terra appare veramente, dall'aereo, come il grande teatro in cui gli uomini recitano la loro avventura".
Dall'alto è possibile vedere in ampiezza, capire meglio lo svolgersi di tanti fenomeni, cogliere i nessi esistenti tra punti differenti del pianeta, constatare quanto l'uomo e la stessa natura continuamente fanno per cambiare la realtà su cui noi poggiamo i piedi.

L'Aerofototeca Nazionale è, dal 1959, il maggior archivio civile di immagini aeree dell'Italia, che abbracciano un arco di più di un secolo di storia e di trasformazioni.
Come molti archivi culturali italiani è da un po' di tempo in sofferenza , soprattutto per il mancato ricambio generazionale dei suoi addetti. Il rischio è che interi settori di conoscenza vadano perduti, che lo straordinario potenziale informativo che possiedono le immagini del territorio pian piano impallidisca fino a svanire.

E allora, ci siamo detti, proviamo a ricordare a noi stessi e alle persone in mezzo a cui viviamo che cosa vuol dire vedere dall'alto il territorio italiano, ma non solo. Cerchiamo di far capire perché un archivio con milioni di fotografie aeree è davvero importante, e soprattutto utile.
Questo primo ciclo di nove incontri, volutamente informali, non per addetti ai lavori ma davvero rivolti a chiunque abbia anche solo un briciolo di curiosità, ci spiegherà proprio questo.

Guardare dall'alto serve per fare storia, per controllare e anche dominare il territorio, per vedere fino in fondo che danni spaventosi può arrecare la guerra, per capire come funzionano le cose su questo pianeta, nel bene e nel male: serve per essere utile a un'infinità di attività, di progetti, di idee.

A che serve volare? Ce lo racconteranno, attraverso alcuni dei tanti aspetti possibili della lettura della Terra dall'alto, alcuni tra i migliori archeologi e topografi, esperti di foto con l'aquilone, titolari di storiche società italiane di fotografia aerea, esperti di ricostruzioni 30, ufficiali delle Forze Armate italiane e curatori di archivi storici Alleati della Il guerra mondiale. Tutti pienamente convinti che saper leggere e interpretare quello che si vede dall'alto è fondamentalmente utile per vivere meglio.

E.J.Shepherd, ottobre 2017"

http://www.iccd.beniculturali.it/index.php?it/150/news/412/a-che-serve-volare-nove-incontri-informali-in-aerofototeca-nazionale-19-ottobre-2017-22-giugno-2018

www.iccd.beniculturali.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ultima modifica il Martedì, 16 Gennaio 2018 10:27

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo