NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Nuove tecnologie e divulgazione

logo lamiaIl Laboratorio di Archeologia medioevale, informatica e antropologia del Dipartimento di Scienze Umane dell'Università degli Studi dell'Aquila organizza per il 22 aprile 2013 un incontro di approfondimento su "Le new technologies e la divulgazione delle ricerche."

Tra realtà aumentata per valorizzare le ricerche archeologiche ai droni per il telerilevamento il pomeriggio permetterà di conoscere le più recenti tecnologie applicate ai beni culturali 

Il Programma prevede i seguenti interventi: 

 

ore 15.00 Prof. Fabio Redi (Università degli Studi dell'Aquila)

Apertura dei lavori

ore 15.15 Prof. Marco Valenti, Dott. Stefano Bertoldi (Università degli Studi di Siena)

La realtà aumentata e la divulgazione del dato archeologico

16.15 Pausa caffè

16.30 Dott. Luciano Pugliese (Dottorato in Archeologia MEdioevale, Università degli Studi dell'Aquila)

L'archeologia virtuale: esperienze e problematiche

17.00 Dott.ssa Elena Candigliota, Dott. Francesco Immordino (Agenzia Nazionale ENEA)

Droni e telerilevamento: esempi e applicazioni

18.00 Discussione e chiusura dei lavori.

 

L'evento prevede il riconoscimento di un credito formativo.

Dipartimento di Scienze Umane dell'Università degli Studi dell'Aquila

Aula 1D

Per informazioni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tel.0862 432179

 

Scarica la locandina

Evento su Facebook

 

Fonte: Redazionale

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo