NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Raggi x svelano un ritratto di Isabella de'Medici

bronzino-carnegie-restoration-03Il Carnegie Museum of Art di Pittsburgh ha recentemente annunciato i risultati di recenti studi compiuti su due opere d'arte della sua collezione: la scoperta di un ritratto originale del XVI secolo di Isabella de'Medici (1542-1576), attribuito a Giovanni Allori, nascosto da un ridipintura dell'epoca Vittoriana e i risultati dell'analisi di un ritratto di Sir George Nevill, Lord Bergavenny, storicamente attribuito a Hans Holbein il Giovane. Il dipinto era considerato un falso moderno e stava per essere rimosso dalla collezione del museo.


Entrambi i dipinti saranno protagonisti della mostra "Faked, Forgotten, Found: Five Renasissance Paintings Investigated" (Falso, Dimenticato, Trovato: Cinque Dipinti Rinascimentali Indagati,) una mostra aperta lo scorso 28 giugno fino al 25 settembre e che presenta al pubblico l'analisi, la conservazione e le questioni in sospeso che circondano alcune opere selezionate nella collezione del museo e per le quali è stato importanti l'impiego di analisi scientifiche.

 

allori-cmoa-mano-restauro

 

In particolare, attraverso l'ispezione delle craquelure del dipinto, non coerenti con quelle solitamente riscontrabili nelle opere su tela, e delle radiografie ai raggi x, i conservatori hanno determinato che il ritratto originale di Isabella de 'Medici era stato ridipinto in modo creativo, in modo da soddisfare i gusti del 19° secolo. La conservatrice del Museo, Ellen Baxter è stata in grado di ripulire con successo e restaurare il dipinto, rivelando un ritratto di maggiore profondità e personalità. I due ritratti sono molto differenti e il dibattito sulla necessità o meno di un simile intervento di "restauro" resta aperto.

Ulteriori informazioni e foto su: www.cmoa.org

 

Fonte: ArtNet News

 

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo