NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

La Sardegna punta sulla Virtual Archaeology

barumini su nuraxiGrazie ad un accordo di intesa firmato il 26 marzo 2013 tra la Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici della Sardegna del Ministero per i beni e le attività culturali e l'Assessorato della Pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport della Regione Autonoma della Sardegna inizia l'attuazione del progetto "Patrimonio culturale Sardegna Virtual Archaeology".

Il progetto verrà finanziato con fondi POR-FESR 2007-2013 e nasce con l'intento di divulgare il patrimonio culturale della Sardegna attraverso ricostruzioni tridimensionali di luoghi e siti di interesse storico-archeologico.

Online i manoscritti della Biblioteca Vaticana

manoscritto biblioteca vaticanaSono disponibili online da alcune settimana sul sito della Biblioteca Apostolica Vaticana alcuni manoscritti provenienti dal Fondo Palatino ora digitalizzati. Si tratta di 256 documenti che ora possono essere consultati direttamente cliccando sulla voce "Materiali digitalizzati" nella home page del sito. Il progetto è sostenuto dalle società EMC² Computer Systems Italia S.p.A. e da Dedanext S.r.l. - Dedagroup S.p.A. e prevede nel suo complesso la digitalizzazione di 80.000 manoscritti antichi per un totale di circa 40 milioni di pagine che verranno messe a disposizione di studenti, esperti ed appassionati che necessitano la loro consultazione. Il formato di archiviazione utilizzato è un open standard FITS (Flexible Image Transport System) che garantisce massima riproducibilità nel tempo ed usabili per diverse applicazioni. 

Istella, un nuovo motore di ricerca per la cultura

istellaIdeato da Tiscali Istella "si propone di diventare il motore di ricerca per il web italiano"  in particolare per la cultura italiana, "dando a tutti la possibilità di cercare, contribuire e condividere". Si tratta di un progetto dedicato alla digitalizzazione della cultura italiana mediante l'indicizzazione di enciclopedie, archivi, collezioni e cataloghi del Ministero per i Beni Culturali, gli enti e i giornali e i contenuti proposti dagli utenti, funzionando anche da social network. Istella si propone quindi come un'ulteriore possibilità per valorizzare il patrimonio culturale italiano.

Haltadefinizione realizza la App dedicata alla sacra Sindone

app sindoneE' possibile scaricare la App ufficiale per iPad e iPhone dedicata alla Sacra Sindone realizzata da HaltaDefinizione. Con questa applicazione la Sindone sarà accessibile a tutti grazie ad "una modalità di consultazione in streaming, che consente una visione ravvicinata del Telo: ogni particolare del tessuto può essere ingrandito e visualizzato per un'osservazione impossibile anche dal vivo". 

L’immagine ad altissima risoluzione del telo è stata realizzata da Haltadefinizione® nel 2008, grazie a una tecnologia impiegata anche in campo artistico su opere come il Cenacolo di Leonardo e le più celebri tele del Botticelli. Un procedimento di digitalizzazione che ha ricomposto 1649 singoli scatti fotografici in un’unica immagine di 12 miliardi di pixel, racchiusa in un file di 72 Gigabytes, pari al contenuto di 16 dvd.

Presentato il Distretto ad Alta Tecnologia dei Beni Culturali della Campania

databencDai più moderni sistemi di rilievo da aereo o da terra per la conoscenza dell’immenso patrimonio di Pompei ai più moderni sistemi di gestione della sicurezza dei siti. Ed ancora dai nuovi materiali compatibili e reversibili per la messa in sicurezza statica dei manufatti archeologici ai sistemi informatici per la catalogazione e protezione del patrimonio librario. Ci sono poi i sensori parlanti che avvisano sullo stato di salute di un manufatto.

Sono alcuni esempi di applicazioni concrete dei progetti che realizzano i Distretti ad Alta Tecnologia come Databenc, il Distretto per i Beni Culturali, presentato lunedì 11 marzo 2013 nell’ambito del convegno “Smart Innovation e Patrimonio culturale” che si è svolto alla Camera di Commercio di Napoli. 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo