NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Tech Tour, la realtà aumentata per visitare le antiche vie dell'Europa

techcooltourE' stato presentato lunedì 29 aprile al Palazzo “Grandi Stazioni” di Venezia il progetto Tech-Tour (Technology and Tourism), finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma quadro per la competitività e l’innovazione CIP 2007-2013. La conferenza di fine progetto si è svolta sul tema della “La tecnologia al servizio della cultura - un’opportunità per il turismo”.

Tech Tour propone due percorsi turistici attraverso le vie romane e bizantine con l'utilizzo di un'applicazione per dispositivi mobile dotata di realtà aumentata che permette di usufruire di ricostruzioni in 3D, animazioni e ulteriori informazioni multimediali sui luoghi romani e bizantini che si visitano lungo gli itinerari. 

Online la Digital Library Euromed Heritage

logo euromedIl progetto europeo Euromed Heritage ha annunciato l'apertura della sua biblioteca digitale realizzata in collaborazione con Manumed, progetto di valorizzazione del patrimonio scritto e immateriale dell'area euro-mediterranea.

La nuova biblioteca virtuale nasce come un centro di risorse ricco e sostenibile destinato a raccogliere tutti i documenti prodotti nell'ambito del Programma Euromed Heritage. I documenti sono accessibili e scaricabili dalla piattaforma e-corpus, una biblioteca digitale completa per il patrimonio culturale creato nel 2009. La biblioteca cresce in modo incrementale organizzando una molteplicità di documenti, più di 2,3 milioni.

Google Art Project, davanti alle opere tre volte il tempo che nel museo

notte stellata_googleIn occasione della Giornata Mondiale dell'Arte, lunedì 15 aprile, Google ha fornito le cifre relative a Google Art Project, il servizio che permette di visitare virtualmente alcuni importanti musei del mondo conoscendone le collezioni esposte. Il progetto partì nel febbraio del 2011 e oggi conta più di 200 musei partecipanti presenti in 43 paesi differenti. Attualmente sono 40.000 le opere digitalizzate presenti nel portale. L'opera più apprezzata dai visitatori è "La notte stellata" di Van Gogh conservata al Museum of Modern Art (MOMA) di New York, che viene inserita anche nelle gallerie dei singoli utenti create per creare e condividere le collezioni personali. La possibilità di conoscere le opere in alta risoluzione incoraggia i visitatori a permanere più tempo davanti alle opere: in media le persone passano una media di un minuto per osservare un dipinto online, contrariamente ai venti secondi passati davanti ad un opera in un museo. Un interessante risultato su cui occorre riflettere quando si parla del ruolo dei musei digitalizzati, virtuali o online e delle potenzialità offerte dalle nuove tecnologie per la valorizzazione dell'arte e la diffusione del patrimonio culturale. 

Disponibile la prima app del Museo del Prado

prado guideIl Museo del Prado di Madrid ha presentato la sua prima applicazione ufficiale. La app è una guida per iPad che permette di esplorare la Collezione permanente del Museo. Tramite di essa infatti, è possibile ammirare capolavori di artisti come Tintoretto, El greco, Velazquez, Beato Angelico, Boach. Si tratta di 400 immagini in alta risoluzione ottimizzate per devices digitali incluse immagini del retro di alcuni dipinti e dei dittici che non sono visibili nella galleria. Le opere sono raccolte nelle diverse scuole: italiana, spagnola, tedesca, francese, inglese insieme a due capitoli sulle opere su carta e alla scultura e le arti decorative. E' possibile selezionare le opere da consultare in base anche in base al periodo e all'artista. Brevi didascalie e approfondimenti storici permettono di approfondire la conoscenza delle opere. Mediante cinque percorsi tematici è possibile conoscere con più dettaglio le collezioni e di avvicinare il piccolo pubblico alla sua scoperta. E' anche possibile condividere contenuti sui social network come Facebook e Twitter.

Le rilegature della BnF in mostra online

reliures bnfLa Biblioteca Nazionale Francese (BnF) ha recentemente messo a disposizione online la sua collezione di rilegature antiche digitalizzate. Si tratta di un progetto voluto dalla Riserva di libri rari e che propone una selezione di 200 rilegature rare e antiche prodotte tra il XVI e XIX secolo. Il sito non vuole solo essere una mostra virutale ma si pone come obiettivo anche quello di costituire un'aiuto all'identificazione e alla descrizione delle rilegature mettendo a disposizione degli utenti degli strumenti che permettono delle ricerche approfondite su tutti i loro elementi caratteristici (tipologia, decori, struttura). 

 

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo