NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

eCultValue, un progetto europeo per diffondere l'uso dell'ICT per i beni culturali

eCult observatorySecondo il 'Rapporto sulla competitività europea 2010' le industrie culturali e creative in Europa sono uno dei settori più dinamici, che rappresentano il 3,3% del PIL dell'Unione Europea e il 3% dell'occupazione. Inoltre, dato l'immenso patrimonio culturale concentrato in Europa, i settori creativi e culturali sono il veicolo di significativi cambiamenti di stili di vita e del progresso, tra cui lo sviluppo di nuovi posti di lavoro, modi innovativi per avvicinarsi ai capolavori del patrimonio culturale e l'instaurarsi di dialoghi intergenerazionali e interculturali.

Teche tecnologiche per il Museo Archeologico di Cerveteri

teche cerveteriSono ‘teche parlanti’ uniche al mondo: con un semplice tocco sul reperto, le vetrine si trasformano in autentici touch screen e diventano multimediali e interattive grazie a realtà aumentata, video e divulgazioni d’autore a cura di Piero Angela e Paco Lanciano. Si chiama ‘Touch on glass’ ed è la tecnologia che ha fatto il suo esordio luned' 16 maggio al Museo Nazionale Archeologico di Cerveteri con ‘Museo Vivo’, le ultime installazioni nell’ambito del Distretto Tecnologico per i beni e le attività Culturali (Dtc), gestito dalla Finanziaria Laziale di Sviluppo per conto della Regione Lazio. L’iniziativa – allestita da Mizar e noideaLab e realizzata in accordo con la Soprintendenza dell’Etruria Meridionale - è stata presentata a Cerveteri dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, dalla Soprintendente per i beni Archeologici dell’Etruria Meridionale, Alfonsina Russo Tagliente, dal Sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci, dal Presidente Filas, Michele Pasca Raymondo e dal giornalista e divulgatore Piero Angela.

Tags:

Anche la Reggia di Caserta ha la sua app

app reggia casertaE' stata annunciata il 6 maggio 2013 dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici, Paesaggistici, Storici, Artistici ed Etnoantropologici per le Province di Caserta e Benevento la pubblicazione dell'applicazione per dispositivi mobile dedicata alla Reggia di Caserta e il suo territorio. La "Guida della Reggia di Caserta e del suo territorio” è stata realizzata da ARTE.it, start up digitale che si occupda di mappare l’arte in Italia, ed è disponibile sul suo sito web e scaricabile per Apple iPhone in italiano e inglese su App Store iTunes.

L’applicazione vuole valorizzare la Reggia, il suo parco e tutto il patrimonio artistico del territorio circostante in modo da ampliare l'offerta culturarale al turismo locale e facilitarne la sua conoscenza, così da "completare il più ampio progetto di valorizzazione del territorio e del sito Unesco del Complesso vanvitelliano che la Soprintendenza sta portando avanti con anche il contributo di Civita Musea Gruppo Civita e TicketOne". Nell'applicazioni sono presenti oltre venti schede descrittive, corredate di immagini, del Palazzo Reale e il suo parco, incluse le sale, gli arredi, le principali opere d’arte esposte, i giardini e le fontane. Ulteriori venti schede sono georeferenziate e dedicate alla mappatura delle principali località e luoghi di interesse artistico presenti nelle vicine San Leucio e Casertavecchia inclusi i punti di interesse delle provincie di Caserta e Benevento.

Ferrara si dota di "muri parlanti"

castello estense_wlm"Talking walls" è il nome del progetto inaugurato lo scorso 8 maggio presso il Municipio di Ferrara che permette di usufruire di nuovi percorsi turisti nella città. Il progetto vede protagonisti personaggi ferraresi come Ettore Bugatti, Michelangelo Antonioni, Giorgio Bassani e Cristoforo Messisbugo.

Grazie all'uso di tecnologie basata sui QRCode sparsi per le vie di Ferrara,  i cittadini e i turisti in visita alla città potranno facilmente apprendere informazioni su personaggi ed eventi ferraresi mediante smartphone e tablet.

Oltre alle informazioni storico-artistiche sono presenti un gioco e una caccia al tesoro in modo da permettere anche ai più piccoli di poter conoscere il patrimonio culturale divertendosi. Ancora una volta, quindi, i QR code vengono scelti per permettere di offrire un servizio di supporto alla visita turistica e per raccontare le città realizzando percorsi turisti insoliti.

Pompei ed Ercolano al British Museum, c'è anche l'app

pompei life death appAperta fino al 29 settembre 2013 la mostra "Life and death Pompei and Herculaneum" vuol far conoscere ai visitatori del British Museum di Londra la storia della vita a Pompei ed Ercolano e la loro distruzione a seguito dell'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. La mostra, ospita 250 oggetti molti mai visti fuori dall'Italia ed è particolare per il suo allestimento che permette un salto nel passato, tra le case dei romani, permettendo di rivivere la quotidinatià delle case e delle strade delle due città ed il tragico evento. E' realizzata in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei. All'interno della mostra è presente anche un nuovo filmato realizzato dal Museo Archeologico Virtuale di Ercolano sulla ricostruzione virtuale della Casa del Poeta Tragico di Pompei.

Per visitare la mostra è stata creata un'applicazione per dispositivi iPhone, IPad e sistemi Android. L'app consente di esplorare la città attraverso alcune mappe dell'area contenenti alcuni oggetti chiave presenti nella mostra. L'applicazione include anche degli approfondimenti sulla vita nelle due città: contesto urbano, commercio, religione, divertimento, usanze culinarie.

/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo