Restauro e Conservazione

La 1st International Conference on Geomatics and Restoration: Conservation of Cultural Heritage in the Digital Era (GeoRes 2017) si terrà dal 22 al 24 maggio a Firenze, Italia. Il convegno è sostenuto da ISPRS (WG V/1, WG V/2 WG II/8) e CIPA Heritage Documentation ed è sotto il patrocinio di ICOMOS - Italia e SIFET.


Un workshop preliminare (19-21 Maggio 2017) è aperto a dottorandi, borsisti post-dottorato e giovani ricercatori; è dedicato a riunire specialisti di geomatica e restauro. Le attività formative e la condivisione di esperienze durante il workshop si svolgeranno sotto la supervisione di tutor esperti.

La data di scadenza per la sottomissione degli abstract alla il 10 febbraio e non sarà estesa!

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito web della conferenza.
 
Keynote Speakers
Mario Santana Quintero, Carleton University, Canada
Camilla Mileto Vegas e Fernando Lopez-Manzanares, Univesidad Politecnica di Valencia, Spagna
Enzo Santoro Istituto Geografico Militare, Italia
                                                                   
Date rilevanti
10th February: Extended Abstract Submission
20th February: Young Researchers Workshop Early Bird Registration17th March: Conference Early Bird Registration
10th April: Full Paper Submission
18th May: Conference Late Registration 
22-24 May: Conference

Sistemazione
IGM offre la possibilità di prenotare camere singole o doppie in guesthouse a Firenze, Via della Scala, 68. Prezzi speciali sono riservati ai partecipanti alla Conferenza. La disponibilità delle camere è limitata! Le prenotazioni sono chi primo arriva, primo alloggia (contatto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Geomatics and Restoration: Conservation of Cultural Heritage in the Digital Era 
GeoRes2017
22 - 24 Maggio 2017
Firenze, Italia

Per ulteriori informazioni, si prega contattare: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fonte: GeoRes 2017

Dal 22 al 24 marzo 2017 torna, nella storica sede di Ferrara, l’incantevole scenario di RESTAURO-MUSEI - Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali - che aprirà le porte al pubblico per la sua XXIV edizione.

A Firenze nel mese di maggio 2017 avrà luogo la prima conferenza internazionale dedicata al necessario dialogo tra rilevatori e conservatori, tra geomatica e restauro. GeoRes2017 con il tema Conservation of Cultural Heritage in the Digital Era sta raccogliendo esperti da tutto il mondo che si runiranno in una tre giorni di intenso scambio.

Il 19 gennaio 2017 presso il centro  ricerche ENEA di Frascati si è svolto il terzo workshop tecnico nell’ambito del Progetto ENEA, finanziato dalla Regione Lazio, COBRA "Sviluppo e diffusione di metodi, tecnologie e strumenti avanzati per  la conservazione dei Beni Culturali, basati sull’applicazione di radiazioni e di tecnologie abilitanti".

Prendono il via i corsi ITP-International Training Projects per il 2017 che l’ISCR ha organizzato nell’ambito del programma coordinato dalla Direzione Generale Educazione e Ricerca del MiBACT: trenta corsi che l’Istituto dedica ad un tema specifico nel campo del restauro e della conservazione dei BBCC.

Con il supporto finanziario del MIUR, l'infrastruttura di ricerca italiana IPERION CH.it, che dal 2017 prenderà il nome di E-RIHS.it, offre la possibilità di accedere ai propri laboratori e alle relative competenze tecnico-scientifiche a coloro che operano nel settore dello studio, conservazione e restauro del patrimonio culturale.

Molte opere d’arte contemporanea sono in pericolo a causa del processo di rapidissima degradazione. NANORESTART – un progetto che sviluppa nanomateriali per proteggere e restaurare questo patrimonio culturale – ha creato un’opera d’arte stampata in 3D per testare i metodi di restauro.

Estesa la deadline per l'invio degli abstract per la XIII Conferenza del Colore al 21 gennaio 2017. La Conferenza si terrà nei giorni 04 e 05 settembre 2017 a Napoli presso il Centro Congressi "Partenope" dell'Università degli Studi di Napoli Federico II.

Un’antica tradizione preispanica del Messico utilizzava, come additivi nelle malte, sostanze di origine vegetale, con proprietà inesplorate, che hanno permesso la buona conservazione di antichi dipinti murali e di altre tipologie di opere d’arte. Tra queste, un estratto ricavato da Opuntia ficus indica (Nopal).

L’ENEA, all’interno dei suoi centri di ricerca, ha sviluppato prodotti, tecniche, procedure e servizi per offrire soluzioni a diverse problematiche di restauro, dalla diagnosi del biodeterioramento a problemi di pulitura e consolidamento di opere d’arte.

Pagina 1 di 18
Italian Albanian Arabic Armenian Chinese (Simplified) Dutch English French German Japanese Portuguese Russian Spanish
archeomatica su twitter

ULTIMI ARTICOLI

UAV Expo Europe
http://www.digitalmeetsculture.net