NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Documentazione

La serie RTS350 è caratterizzata dal sistema operativo WinCE e precisioni di 2” ( RTS352 ) oppure 5” ( RTS355 ).

C'è tempo ancora fino al 15 luglio per iscriversi al Training Camp di E-RIHS.it sull'archeometria non invasiva in situ, che si terrà a Gioia del Colle (Ba) dal 30 settembre al 6 ottobre!

Un mare di droni: arrivano in Italia robot marini e subacquei utilizzati per il monitoraggio dell'ambiente, archeologia e soccorso. A novembre a Gallipoli (Le) il primo congresso “Sea Drone Tech Summit 2018”.

La soluzione 3D Reality Capture Leica RTC360 permette agli utenti di documentare e catturare i loro ambienti in 3D, migliorando l'efficienza e la produttività sia in campo che in ufficio attraverso hardware /software portatili, veloci, semplici da usare ed accurati. Leica RTC360 è la soluzione per i professionisti per gestire le complessità di un progetto attraverso rappresentazione 3D accurate ed affidabili in qualsiasi applicazione.

L’Associazione Una Quantum inc. ha lanciato lo scorso 5 maggio 2018 e terminato il 5 Giugno 2018, nel Coworking Millepiani di Garbatella il primo insegnamento di Arduino applicato ai Beni Culturali, esclusivo per i propri associati.

I nuovi georadar individuano reperti sepolti, vuoti e cavità nascoste, senza scavi. Ampia è la letteratura sull’uso dei georadar in archeologia, per individuare le zone più rilevanti PRIMA di effettuare gli scavi o di intervenire su strutture o manufatti. Lo stesso MiBACT si è dotato recentemente del più preciso georadar in commercio per il rilievo su murature, colonne e statue: lo StructureScan Mini XT, prodotto da GSSI.

Nell'ambito del ciclo di incontri "A che serve Volare", organizzato dall'Aerofototeca Nazionale e dall'Istituto Centrlale per il Catalogo e la Documentazione (ICCD), Stefano Campana (Archeologo dell'Università di Siena) illustrerà il progetto Emptyscapes: un approccio interdisciplinare che ha come obiettivo lo sviluppo di nuovi paradigmi per lo studio dei paesaggi archeologici spostando il baricentro dal consueto approccio sitocentrico verso una prospettiva contestuale ed ecosistemica (http://www.emptyscapes.org/).

Il recente fascino esercitato dai veicoli a pilotaggio remoto sui topografi nasce sicuramente dalla possibilità di poter effettuare riprese “aerofotogrammetriche” ora alla portata di tutti. Certamente l’esplosione dell’uso del mezzo ha rasentato situazioni vicine al gaming e all’hobby dell’aeromodellismo.

E' possibile leggere online Archeomatica 1-2018 - Tecnologie per i Beni Culturali, un numero dedicato ai servizi satellitari per il monitoraggio dei beni culturali. Un patrimonio inestimabile molto spesso a rischio a causa di fattori atmosferici, antropici e ambientali nonché dell'incuria dell'uomo.

Da qualche anno Codevintec presenta le nuove tecnologie per le Scienze della Terra (e del Mare) ai pubblici più attenti: studiosi, professionisti, operatori, pubbliche amministrazioni.

Pagina 1 di 26

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo