NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

 

Si chiama CALIFFO ed è un sistema portatile che permette di rilevare sulle opere d’arte forme di degrado non visibili a occhio nudo.

SCANFLY è la soluzione chiavi in mano per la mappatura lidar 3D. Ultra-compatta e dal peso ridotto ad oggi è la soluzione con il miglior rapporto qualità – prezzo presente sul mercato. Il suo design ne permette l’installazione su qualsiasi veicolo (aereo, terrestre o marino).

Heritage presenta l'app innovativa per il Museo Ebraico di Casale Moferrato.

Il Ministero per i Beni Culturali ha acquistato il più preciso georadar in commercio per il rilievo dentro strutture in cemento e calcestruzzo.

Il Museo Archeologico “A. Salinas” di Palermo ha recentemente presentato i risultati del restauro delle pitture parietali provenienti dalla “Casa delle Maschere” di Solunto eseguito grazie alla sponsorizzazione ad opera del Rotary Club di Palermo Nord.

Da secoli, e ancora oggi, ci si pone la domanda: cos’è questo misterioso lenzuolo? Un oggetto da molti considerato una reliquia - anzi, la più significativa delle reliquie - e da altri un richiamo innegabile alla Passione di Cristo; o ancora, valutato da alcuni come falso più o meno antico, tuttavia meritevole d'interesse. Tutto ciò ne fa una realtà unica dal punto di vista religioso, ma anche capace di suscitare l'attenzione degli studiosi di tante discipline.

Nel mese di Agosto, TecnArt - spin off accademico dell’Università degli Studi di Torino - ha tenuto il primo corso sulla tecnica della termoluminescenza a 12 ricercatori del MoC, durante il quale si sono effettuate le prime analisi su alcuni campioni di laterizio prelevati nell’antica città di Bagan. 

#SHU2017 si propone di sviluppare le competenze digitali di giovani e adulti attraverso la formazione propedeutica ad un Hackathon per la co-creazione di prodotti digitali in risposta a tre sfide nel campo della valorizzazione del patrimonio culturale materiale e immateriale del Comune di Foligno.

Nell' UCL Institute of Archaeology di Londra si terrà, il 22 maggio 2017, un workshop intitolato Digital Heritage 'Big' Data Hacking and Visualisation. Il workshop internazionale, organizzato da Chiara Bonacchi e Daniel Pett (British Museum), con il supporto del UCL Global Engagement FundUCL Centre for Digital Humanities e della Heritage Studies Section dell'Istituto, discuterà dell'uso della visualizzazione dei ‘big data’ per ingaggiare i cittadini con i risultati della ricerca nel passato umano e i collegamenti al contemporaneo. 

L'evento sarà in lingua inglese. 

It will bring together perspectives coming from the creative arts, design, software development, cultural heritage and museum studies. Speakers and discussants will reflect over the principles that could and should be driving the development of digital applications for the public interpretation and communication of heritage research that is based on the analysis of relatively large, varied and rapidly changing quantities of data extracted from web infrastructures.

The workshop is linked to the Ancient Identities Today project, which is experimenting with approaches that combine the use of ‘smaller’ and ‘bigger’ data online and offline, to study and communicate the meanings and uses of ideas and materials from the Iron Age, Roman and Early Medieval pasts in contemporary Britain.

Programme

  • 9.30: ‘Big’ Data and the Worlds of Heritage and Museum Practice and Research - Chiara Bonacchi, UCL Institute of Archaeology and Daniel Pett, British Museum
  • 10.00: An overview on Digital Heritage Data Visualisation -  Melissa Terras, UCL Centre for Digital Humanities TBC
  • 10.30: Make it Useful, Make it Usable: Heritage, Archaeological and Museum Data in the 21st Century -  Ethan Watrall, Michigan State University
  • 11.30: Coffee Break
  • 11.45: Big Data Gothic and Digital Archaeology -  Shawn Graham, Carleton University
  • 13.00: Lunch (provided for speakers only)
  • 14.00: Matthew Battles, Berkman Klein Centre for Internet and Society at Harvard University
  • 15.00: Patrick Wolfe, UCL Big Data Institute
  • 16.00: Coffee Break
  • 16.15: Discussion and conclusion. Principles for the Design of Digital Heritage ‘Big’ Data Visualisation - Discussants: Chiara Bonacchi, UCL Institute of Archaeology and Daniel Pett, British Museum
  • 17.00: Reception

Registration

Any enquiries about the workshop may be directed to Chiara Bonacchi.

La National Gallery di Londra sta lavorando, in collaborazione con la società di analisi museale Dexibit, per utilizzare i big data per analisi predittive. Per decenni i dirigenti delle istituzioni culturali del mondo hanno affrontato la sfida di bilanciare gli obiettivi storici e culturali con le esigenze economiche di un museo dipendente da un pubblico pagante per visitare mostre temporanee e usufruire di altri servizi commerciali.

Pagina 1 di 140
itsqarhyzh-CNnlenfrdejaptrues
archeomatica su twitter
Technology for All 2017
Technology for All 2017
http://www.digitalmeetsculture.net

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo