NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

itzh-CNenfrdejaptrues

Call for the protection of the cultural heritage in Nagorno-Karabakh

In response to the Nagorno-Karabakh conflict, Europa Nostra and the European Association of Archaeologists, members of the European Heritage Alliance, call for the protection of the cultural heritage in the Caucasus region. According to the heritage organisations, the cultural heritage in Nagorno-Karabakh is “the expression of a multicultural and multireligious past and present of the region and of Europe as a whole”.

(In risposta al conflitto di Nagorno-Karabakh, Europa Nostra e l’Associazione Europea degli Archeologi, membri dell’Alleanza Europea per il Patrimonio Culturale, richiamano alla protezione del patrimonio culturale nella regione del Caucaso. In accordo con le organizzazioni per il patrimonio culturale, il patrimonio di Nagorno-Karabakh e’ “l’espressione di un pluriculturale e plurireligioso passato e presente della regione e dell’Europa intera.”)

The heritage organisations condemn the destruction of the cultural heritage in the region, and call for, among others, an impartial international team to conduct an objective scientific survey of the cultural heritage in the region.

(L’organizzazione condanna la distruzione del patrimonio culturale nella regione e si appella, tra gli altri, per la costituzione di un comitato permanente di studio del patrimonio culturale nella regione.)

The full statement reads as follows:

(L’organo in riunione plenaria statuisce:)

We, representatives of Europa Nostra and the European Association of Archaeologists wish to reiterate our joint commitment to the holistic preservation of the integrity, authenticity and diversity of the rich cultural heritage which is located in the Caucasus region and which is the expression of a multicultural and multireligious past and present of this region and of Europe as a whole.We therefore deplore and condemn any act of damage, destruction or distortion of cultural heritage sites, which has happened as a consequence of a conflict or of the lack of respect for any of the cultures that have flourished in the Caucasus region, and in particular in and around the area internationally known as Nagorno-Karabakh. Referring to many international and European documents, we wish to recall that such acts are clearly not acceptable and unlawful.

(‘Noi, rappresentanti di Europa Nostra e l’Associazione Europea degli Archeologi auspichiamo che sia ristabilita una Commissione unitaria per la prevenzione e la conservazione dell’integrità, autenticità e diversità del ricco patrimonio culturale che e’ dislocato nella regione del Caucaso e che e’ l’espressione del pluriculturale e plurireligioso passato e del presente di questa regione e dell’Europa intera. Inoltre deploriamo e condanniamo ogni atto che degradi, distrugga o distorca i siti culturali, come avvenuto in conseguenza di un conflitto o anche il rispetto per ciascuna cultura fiorita nella regione del Caucaso ed in particolare intorno e nell’area internazionale conosciuta come Nagorno-Karabakh. Riferendoci a numerosi documenti europei e internazionali, vogliamo richiamare all’attenzione generale che tali atti sono senza dubbio riprovevoli e illegali’.)

We firmly believe in the essential value of cultural heritage as a vital resource and responsibility for present generations to pass on to future ones. We recognize and celebrate the cultural diversities as they are represented in our shared heritage; these can help in building bridges of mutual respect and understanding above ethnic or religious divides, as a critical element of building lasting peace. We are thus convinced that any destruction of heritage, or any distortion and/or misconstruction of (art) history has the opposite effect, often setting the ground for renewed cycles of mistrust, conflict and even violence.

(‘Noi crediamo fermamente essenziale il valore del patrimonio culturale come risorsa vitale e come una responsabilità della generazione attuale di trasmetterlo alle generazioni future. Riconosciamo e celebriamo le diversità rappresentate dal nostro patrimonio condiviso; fatto che può aiutare a costruire alleanze nel reciproco rispetto e sulla comprensione delle differenze etniche o religiose, come elemento critico di realizzazione di una pace definitiva. Siamo infine convinti del fatto che ogni distruzione del patrimonio, o ogni distorsione e/o disconoscenza della storia dell’arte abbia l’effetto opposto, che spesso e’ quello di preparare il terreno per rinnovati cicli di sospetto, conflitto e, in una parola, di violenza pura.’)

As European heritage networks that collaborate closely and fruitfully with the European Union we therefore applaud and endorse the Conclusions recently adopted by the Council of the European Union welcoming the EU Concept Paper on cultural heritage in conflicts and crises, which enhances the EU’s approach to promoting peace, security, democracy and sustainable development.

(‘Come organismo per il patrimonio Europeo che collabora da vicino e fruttuosamente con l’Unione Europea noi applaudiamo anche e sosteniamo le Conclusioni di recente adottate dal Consiglio dell’Unione Europea che ha raggiunto l’EU Concept Paper sul patrimonio soggetto ai conflitti e alle crisi, accrescendo l’iniziativa dell’EU nel promuovere la pace, la sicurezza, la democrazia e lo sviluppo sostenibile.’)

More specifically, we welcome the Resolution RC-B9-0277/2021 adopted by the European Parliament on 21 May 2021 in response to the latest conflict in the region. We especially endorse its article 16 which states that the European Parliament “Strongly insists that both parties refrain from any actions destroying Armenian heritage in Azerbaijan and Azeri heritage in Armenia; calls for the full restoration of demolished sites and for greater involvement of the international community in protecting world heritage in the region” as well as its article 21 which states that the European Parliament “Calls on the European Commission and the Member States to continue supporting the provision of urgent humanitarian assistance and the work of international organisations in this area and on the protection of cultural and religious heritage, as well as to support civil society organisations in Armenia and Azerbaijan that genuinely contribute to reconciliation”.

(‘Più specificatamente, accogliamo la Risoluzione RC- B9-0277/2021 adottata dal Parlamento Europeo il 21 maggio 2021 in risposta al più recente conflitto nella regione. Specialmente approviamo il suo articolo 16 che statuisce che il Parlamento Europeo “Duramente sollecita entrambe le parti a desistere da ogni azione distruttiva del patrimonio Armeno in Azerbaijan e del patrimonio Azero in Armenia; appella il completo restauro dei siti demoliti e il più ampio coinvolgimento della comunità internazionale nella protezione del patrimonio culturale della regione” come stabilisce l’articolo 21 che designa il Parlamento Europeo a riunire la Commissione Europea degli Stati Membri per continuare ogni supporto provvisionale all’urgente assistenza umanitaria ed all’opera delle organizzazioni internazionali nell’area per la protezione del proprio patrimonio culturale e religiosa, e alle organizzazioni civili in Armenia ed in Azerbaijaan che genuinamente collaborano alla riconciliazione.”’)

‘In the light of the above,

As a matter of urgent priority, due to alarming allegations by various parties of deliberate damage, destruction and/or distortion of cultural heritage which has happened in and around the area of Nagorno-Karabakh, we call for an impartial European/international team of experts to access the region in order to conduct a comprehensive and objective scientific survey of the rich and diverse cultural heritage in this area, with a related assessment of its state of conservation. We are convinced that this will be in the best interest of both Azerbaijan and Armenia, their people and their culture, as well as of the rest of Europe and Humanity.More generally, we urge Azerbaijan and Armenia to collaborate and live up to their commitments, responsibilities and international obligations on the basis of the Trilateral Statement ending the recent hostilities which they co-signed with the Russian Federation on 9 November 2020 as well as on the basis of key international and European documents related to cultural heritage signed by these two countries.We also urge UNESCO, the Council of Europe, and the OSCE-Minsk group to join forces in encouraging and assisting positive efforts towards the holistic safeguard of the endangered multicultural and multireligious heritage in the affected area.
As far as the European Union is concerned, we invite EU Institutions and Member States to apply to the area of Nagorno-Karabakh the principles of the above-mentioned EU Council Conclusions and adopt concrete positive measures in line with the related EU Concept Paper on Cultural Heritage in Conflicts and Crises’.

(‘Alla luce di quanto detto, come urgenza prioritaria (…omissis…), per quanto concerne l’Unione Europea, invitiamo le istituzioni EU e gli Stati Membri ad applicare all’area di Nagorno-Karabakh i principi delle Conclusioni del Consiglio EU e ad adottare concretamente le misure positive in linea con la relativa, suddetta Carta dei Principi EU (EU Concept Paper) sul Patrimonio Culturale in Conflitto e Crisi.’)

Last but not least, we offer our extensive heritage expertise and experience to contribute to the due protection of the integrity, authenticity and diversity of the rich cultural heritage in and around the area of Nagorno-Karabakh, as in other regions of the Caucasus. We are willing to work with all stakeholders concerned to help use cultural heritage (tangible and intangible) as a bridge between various communities and as a vector for (re)building respect, confidence and dialogue as prerequisites for a lasting peace and prosperity in the wider region.

(Ultimo ma non infimo, offriamo la nostra ampia capacita’ di esperti del patrimonio quale contributo alla protezione dell’integrità, autenticità e diversità del ricco patrimonio culturale intorno e nell’area di Nagorno-Karabakh, come in ogni altra regione del Caucaso (…omissis…).)

 Fonte: Europa Nostra


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.archeomatica.it/3hpu

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI  


CHNT
CHNT
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo