Sessione straordinaria del corso online "Programmare i GIS con Python", blocca ora il tuo posto!

Sessione straordinaria del corso online "Programmare i GIS con Python", blocca ora il tuo posto!

Stampa

Nuova sessione del corso "Programmare i GIS con Python" della Formazione TerreLogiche: l'appuntamento si terrà online, live streaming, il prossimo 6, 7 e 11 Aprile e permetterà ai partecipanti di scoprire come creare procedure automatiche nei GIS utilizzando il linguaggio di programmazione Python.
Ampiamente diffuso in molte organizzazioni, tra cui Google, IBM e Nasa, Python è attualmente il linguaggio di personalizzazione più utilizzato in molti ambienti GIS, quali QGIS ed ESRI ArcGis, grazie anche alla presenza di librerie per framework GIS come OGR/GDAL e per interfacce grafiche come Qt.

Dopo una breve introduzione teorica, il docente mostrerà come utilizzare Python nella gestione automatizzata delle basi dati vettoriali e raster, la connessione a geodatabase, e la realizzazione di script di Processing con interfacce personalizzate. Saranno poi affrontati anche i moduli di Python in QGIS (libreria standard, moduli scientifici e di analisi spaziale) e operazioni più avanzate, come la gestione degli stili dei layer e dei Sistemi di Riferimento, le funzioni di input/output, ecc., oltre alla descrizione delle procedure di generazione di plugin per QGIS e all’uso di QtDesigner per disegnare interfacce grafiche personalizzate.

Al termine del corso i partecipanti saranno in grado di creare script in QGIS che permetteranno la realizzazione di importanti attività, come ad esempio la generazione di form personalizzate, l'elaborazione massiva e l'analisi automatizzata di geodati. Le nuove competenze acquisite saranno spendibili sia in contesti pubblici, sia aziendali o accademici.

Per maggiori informazioni sul programma completo del corso, prezzo e agevolazioni: https://bit.ly/3soJzlf


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.archeomatica.it/

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI