NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Field School of Digital Archaeology: dallo scavo alla rappresentazione digitale

 A maggio la prima edizione della Field School of Digital Archaeology (Bomarzo (VT). La scuola tratterà la documentazione e rappresentazione digitale di uno scavo archeologico, impiegando tecniche come il rilievo 3D, fotogrammetria e GIS.

Il progetto, portato avanti dal team di giovani professionisti di Una_Quantum inc., prevede un cantiere archeologico didattico dove si utilizzeranno tecnologie digitali open source fin dalle prime fasi di scavo.

La rete dell’Associazione Una_Quantum inc. è costituita da archeologi professionisti e programmatori da anni impegnati nello sviluppo e nell'insegnamento di tecnologie open source applicate ai beni culturali.

La Field School of Digital Archaeology è aperta a tutti gli studenti, archeologi, dottorandi e ricercatori in settori affini che siano interessati ad acquisire le competenze basilari in merito all’applicazione degli strumenti digitali all’intero processo archeologico: dallo scavo all’elaborazione e gestione dei dati, senza tralasciare i fondamentali aspetti della valorizzazione e della fruizione dei beni culturali.

Le attività si svolgeranno nella necropoli etrusca di Trocchi, dirimpetto l’area della riserva naturalistica di Monte Casoli. L’area, già oggetto d’indagine nell’Ottocento, ha restituito materiali di pregio oggi conservati nei musei di tutto il mondo. Si torna, dunque, a indagare con strumenti moderni, primo fra tutti QGIS, sistema open source per la gestione di informazioni geografiche. Una_Quantum, infatti, da diversi anni sviluppa il plugin per QGIS “pyArchInit” appositamente studiato per l’archeologia.

L’ampia offerta didattica che affianca la campagna di scavo e ricognizione archeologica della Field School of Digital Archaeology mira a fornire ai partecipanti le conoscenze per utilizzare in autonomia gli strumenti digitali più rilevanti in ambito culturale.

Tutti i giorni, dopo il lavoro sul campo, sono previsti laboratori finalizzati ad acquisire competenze nell’impiego di softwares open source, secondo la mission di Una_Quantum che crede fortemente negli open data in archeologia.

Tra le materie proposte: rilievo 3D tramite fotogrammetria, modellazione 3D di oggetti e strutture elaborati mediante il software Blender e ovviamente QGIS per lo studio della necropoli e del territorio circostante.

I corsi prenderanno tutti spunto dai dati emersi durante lo scavo della Necropoli, garantendo esperienza pratica a tutti coloro che decideranno di unirsi al progetto.

I laboratori saranno tenuti nei locali, messi a disposizione dal Comune di Bomarzo (VT), all’interno dello splendido Palazzo Orsini che domina il paese e dal quale sono visibili le grotte che ospitano le tombe della necropoli di Trocchi. Alcune sale verranno adibite a deposito dei reperti provenienti dallo scavo.

Studio dei materiali, disegno archeologico, schedature e catalogazione dei reperti saranno alcune delle attività previste nel Laboratorio di Analisi dei Materiali, con particolare attenzione alla ceramica.

L’indagine si concentrerà sul livello più alto della necropoli interessato dalla presenza di tombe a camera con dromos d’accesso e tombe a facciata rupestre. L’obiettivo finale della ricerca è promuovere la fruizione della necropoli, documentando e riproducendo le tombe scavate e gli oggetti rinvenuti in 3D. Non solo: attraverso sistemi sostenibili e duraturi, Una_Quantum Inc. elaborerà un progetto di musealizzazione digitale del territorio.

Gli affiliati ad Una_Quantum inc., in Italia e in Europa, lavorano nella convinzione che gli strumenti digitali open source siano il futuro dell’archeologia e della divulgazione del patrimonio culturale.

Per tale motivo, la diffusione delle potenzialità delle tecnologie applicate all’archeologia e ai beni culturali è uno dei principali obiettivi dell’Associazione Una Quantum Inc.; tra gli ultimi impegni che hanno coinvolto il team si rintracciano: Circuiti, il ciclo di workshop gratuiti svolto presso il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma e Sistemi multimediali per la museologia, pacchetto di corsi riconosciuti dal MiBAC, con sede il Museo delle Civiltà di Roma.

Le attività di scavo e la didattica, in lingua inglese, della Field School of Digital Archaeology, si svolgeranno dal lunedì al venerdì, lasciando libero il weekend; con partecipazione facoltativa, nel fine settimana, saranno organizzate visite ed escursioni nei principali siti di interesse storico-artistico e archeologico, a Bomarzo e dintorni.

Nella quota di partecipazione sono incluse le attività di scavo, spese di vitto e alloggio, l’intera offerta formativa di Una_Quantum inc. e materiali didattici.

Field School of Digital Archaeology
6 Maggio – 30 Giugno 2019
Bomarzo (VT)
Tecnologia e innovazione in un cantiere archeologico didattico

Per maggiori informazioni sulla Field School of Digital Archaeology è possibile scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Pagina facebook Field School of Digital Archaeology: facebook.com/ArcheoloGis

www.unaquantum.com

itsqarhyzh-CNnlenfrdejaptrues
/div>

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo