NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Martedì, 23 Ottobre 2018 12:19

Corso “Geodatabase”: gestire, interrogare e manipolare grandi archivi di dati geografici con PostGIS

Redazione Archeomatica

A novembre TerreLogiche organizza il corso “Geodatabase (PostGIS)” (Roma 14-15-16 novembre), un percorso formativo professionalizzante introduttivo all’utilizzo di PostGIS per la gestione e manipolazione di dati territoriali georiferiti. Sconto 20% per gli iscritti alla Confederazione Italiana Archeologi.

La gestione dei dati geospaziali e la loro condivisione - sia interna all’ambiente di lavoro che con utenti e cittadini - sono esigenze che hanno acquisito sempre più importanza per Aziende e Pubbliche Amministrazioni, creando la necessità di personale con competenze tecniche adeguate.

I geodatabase
I geodatabase (o database spaziali) sono archivi di dati geografici memorizzati su database relazionali e non su file system (come, ad esempio, gli Shapefile). Possono contenere al loro interno svariate tipologie di oggetti come layer vettoriali, raster, tabelle di database, regole topologiche, relazioni tabellari, ecc. Molto più di semplici archivi, essi rappresentano di fatto dei sistemi completi in grado non solo di immagazzinare geodati ma anche di fornire funzionalità di elaborazione ed analisi spaziali molto evolute.

Il corso
Lo strumento adottato durante la sessione è PostGIS, potente software Open Source altamente diffuso a livello mondiale, che aggiunge funzionalità spaziali al database relazionale PostgreSQL.
I partecipanti, al termine del corso, saranno capaci di svolgere con efficacia le operazioni per la gestione e diffusione dei dati territoriali in modo rapido ed efficiente, attività di primaria importanza per aziende pubbliche e private, ma anche per molti professionisti e ricercatori.

Dopo un'introduzione ai concetti di base su geodatabase relazionali e linguaggio SQL, il docente affronterà argomenti fondamentali quali:

• importazione ed esportazione di tabelle e layer GIS (es. CSV, ESRI Shapefile ed altri formati vettoriali, layer raster, ecc.)

• utilizzo di QGIS come interfaccia di visualizzazione di PostGIS,

• gli strumenti di interrogazione

• funzioni PostGIS di base (es. selezioni, filtri, viste, merge, clip, spatial join, analisi di prossimità)

• cenni su funzionalità avanzate quali Map algebra, Topologie, stored procedures e l’utilizzo di PostGIS in applicazioni Web.

Per il corso è valida la convenzione con la CIA (Confederazione Italiana Archeologi) che dà diritto allo sconto del 20% sul prezzo di listino e sarà in vigore fino a dicembre 2018.

Per info sul corso, agevolazioni e iscrizione, andare al link: https://goo.gl/T8khCW

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sea Drone Gallipoli

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo