NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Sabato, 14 Aprile 2018 07:52

PRATICHE DI RESTAURO: una iniziativa per conoscere e comprendere le opere restaurate dall'ISCR

Redazione Archeomatica
Adorazione del Bambino, XVII secolo, bottega di Tiziano Vecellio. Adorazione del Bambino, XVII secolo, bottega di Tiziano Vecellio. Crediti: Wikipedia, Licenza Creative Commons.

L’iniziativa PRATICHE DI RESTAURO aprirà ufficialmente il 19 Aprile. Un mese di visite guidate lungo sei percorsi tematici racconteranno le attività dell’Istituto attraverso i progetti di restauro di 19 opere del patrimonio culturale italiano.

L’iniziativa ha come scopo di rendere partecipi alle nostre attività più larghe fasce di pubblico e di diffondere una sempre maggiore consapevolezza dell’importanza del patrimonio culturale e della sua protezione.

PRATICHE DI RESTAURO è articolata in sei percorsi tematici (Ricerca scientifica applicata, Tecniche d pulitura, Supporti, Lacune, Rifacimenti storici, Grandi danni: natura e uomo) ognuno dei quali raccoglie opere o manufatti restaurati di recente, con caratteri di rilevanza in particolare per i problemi conservativi che hanno presentato. I visitatori saranno accompagnati dagli esperti dell’ISCR (restauratori, storici dell’arte e scienziati) alla scoperta di diciannove progetti di restauro su altrettante opere che coprono un arco temporale che va dall’antichità (quali la testiera e il morso equini dal Parco Naturalistico e Archeologico di Vulci) fino ad opere del Novecento (quali il trittico di Achille Capizzano e la Ripetizione rossa in tre sezioni di Toti Scialoja) passando per opere di Parmigianino, Domenichino, delle botteghe di Botticelli, Tiziano, Jacopo Bassano, Francesco Francia, e con una “digressione” geografica nell’arte giapponese con le maschere teatrali dei secoli XVII-XIX.

Questa modalità di divulgazione si ispira ad analoghe iniziative che il primo direttore nonché fondatore dell’Istituto, Cesare Brandi, organizzava in anni lontani per rendere fruibili al pubblico le opere di recente restaurate, prima della loro restituzione alle istituzioni di appartenenza.

PRATICHE DI RESTAURO sarà aperta al pubblico dal 23 aprile al 25 maggio
dal lunedì al venerdì (esclusi 25 aprile e 1 maggio)
ingresso gratuito solo su prenotazione con visite guidate
orario inizio visite: lunedì, mercoledì, venerdì ore 10.30 e 11.30; martedì e giovedì 15.30 e 16.30
durata della visita un’ora circa, per un massimo di 20 visitatori

Prenotazioni sul sito Eventibrite
https://www.eventbrite.it/e/biglietti-pratiche-di-restauro-44982038488

Dal 19 aprile saranno disponibili sul sito www.iscr.beniculturali.it gli approfondimenti su PRATICHE DI RESTAURO

 

PRATICHE DI RESTAURO: Visite guidate alle opere restaurate dall’Istituto Giovedì 19 aprile 2018 ore 11.00
Sala dell’ex Carcere Femminile del San Michele
Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro
via di San Michele 25, 00153 Roma


Lista delle sezioni e opere

Ricerca scientifica applicata

Adorazione del Bambino
XVII secolo   
bottega di Tiziano Vecellio
olio su tela, cm. 68,50x60,50
Firenze, Gallerie degli Uffizi, deposito della Galleria Palatina

Martirio di San Lorenzo
XVII secolo
Bottega dei Da Ponte, detti Bassano
olio su tela, cm 200x214,5
Firenze, Gallerie degli Uffizi, deposito della Galleria Palatina

Madonna della Misericordia
XVI secolo
bottega di Tiziano Vecellio
olio su tela, cm 154x144
Firenze, Galleria Palatina, Appartamenti Reali

 

Sezione Tecniche di pulitura

Impero Romano
1943
Achille Capizzano
Tempera su tavola, cm 188x381
Roma, EUR  S.p.a.

San Bartolomeo
seconda metà del XIV secolo
Ignoto
Tempera su tavola, cm 245x98
Firenze, Gallerie degli Uffizi, deposito della Galleria Palatina

Sezione Supporti

Madonna con il Bambino e quattro angeli (Madonna delle Rose)
ultimo decennio del XV secolo
bottega di Sandro Botticelli
tecnica mista su tavola, diametro cm 113
Firenze, Gallerie degli Uffizi, deposito della Galleria Palatina

Stamnos in bronzo
IV-III secolo a.C.
bronzo, fusione e sbalzo
Guglionesi (CB), località Ripatagliata

Testiera equina e morso
VII sec. a.C.
bronzo, fusione e trafilatura
Canino e Montalto di Castro (VT), Necropoli dell’Osteria – Tb 1, Area C
Parco Naturalistico Archeologico di Vulci

Elementi di corredo T.109
epoca orientalizzante
bronzo, ferro, ambre, faiance (trafilatura e sbalzo, forgiatura, tornitura, fusione a stampo)
località Chiaromonte, (PZ)

Sezione Lacune

Quattro maschere teatrali giapponesi

XVII-XIX secolo

Roma, Museo Nazionale Luigi Pigorini

Deme Mitsutaka (attr.)
Waka-onna,
seconda metà XVII sec.
cm 21,5 x 13,7 x 5,6

Deme Sukemitsu (o Uman)
Hannya
seconda metà XVIII sec.
cm 21 x 16 x 8,5

Ignoto
KarasuTengu
metà XIX sec.
cm 21,5 x 18,2 x 16,5

Deme Mitsunori
Ko-beshimi  
fine XVII – inizio  XVIII sec.§
cm 24,6 x 14,5 x 9

Legno hinoki e pawlonia intagliato dipinto e decorato con materiali polimaterici

 

Matrimonio Mistico di Santa Caterina con i Santi Giovanni Evangelista e Giovanni Battista
(Pala Bardi)
1521
Francesco Mazzola detto il Parmigianino
Olio su tavola, cm 203x130
Bardi (PR), chiesa parrocchiale della Beata Vergine Addolorata

 

Rilievi lignei Girolamini
1626
Nunzio Maresca
Pietro, Giovanni Evangelista, Andrea (?)
Paolo, Giovanni Battista e un santo non identificato
Legno intagliato dorato e dipinto, cm 133x161x43; cm 144x169x32
Napoli, Quadreria dei Girolamini

Tobia guarisce il padre Tobi dalla cecità
XVII secolo
Jacopo Bassano (attr.)
Olio su tela, cm 130,6x101
Firenze, Gallerie degli Uffizi, deposito della Galleria Palatina

Sezione Rifacimenti storici

Croce dipinta
fine XIV/inizi XV secolo con interventi del XX secolo
Ignoto
tempera su tavola, cm 251x176,5
Firenze, Gallerie degli Uffizi, deposito della Galleria Palatina

 

Sezione Grandi Danni

Ripetizione rossa (trittico)
1967
Toti Scialoja
Tela di canapa, vinilico, olio, pastello, cm 193x390 (opera completa)
Roma, Fondazione Scialoja

Madonna con Bambino, San Francesco d’Assisi e Sant’Antonio Abate
inizi XVI secolo
Francesco Francia (bottega)
tecnica mista su tavola, cm 70x56
Firenze, Gallerie degli Uffizi, deposito della Galleria Palatina

Madonna dell’Umiltà

Primo decennio del XV secolo
Maestro del Borgo alla Collina – Scolaio di Giovanni? (attr.)
Tempera a fondo oro su tavola, cm 86x49
Firenze, Gallerie degli Uffizi, deposito della Galleria Palatina

Madonna con Bambino (detta Madonna della Rosa)
XVI secolo
Ignoto
Terracotta policroma, h 120 cm
Ussita (MC), Chiesa di San Placido

Narciso
1603-1604
Domenico Zampieri detto il Domenichino
affresco staccato, cm 143x267
Roma, Palazzo Farnese, sede dell’Ambasciata di Francia

 

Fonte: Comunicato Stampa dell'Istituto Superiore per la Protezione ed il Restauro 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo