NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 


 

Editoriali
Non è facile descrivere una nuova modalità di realizzazione di un Museo archeologico come quello della Mediateca nell'area archeologica di Aquinum che viene presentato in questo numero. Le immagini nell’articolo ci mostrano le tecnologie di Realtà Aumentata utilizzate, ma sono certamente poco esplicative e meno espressive della vera sensazione che si può provare immergendosi all'interno del sito attraverso gli ambienti del Museo con percezioni che arrivano fino alla veduta virtuale attraverso finestre simulate.
Mercoledì, 25 Aprile 2018 09:47

Una scienza del museo

Redigere ed illustrare un nuovo manuale di storia dell'arte, non solo storico-biografico o scolastico, regionale od europeo, ma storico-documentale e che faccia parlare l'arte della sua storia è stato il progetto che nei trascorsi decenni ha sistematizzato i cataloghi di opere d'arte in banche dati.
Dedichiamo questo numero di Archeomatica al tema della salvaguardia e protezione del patrimonio culturale in emergenza. Un tema attuale a causa di calamità naturali ma anche di tanti archi di crisi che dilaniano con conflitti distruttivi paesaggi culturali costruiti nei millenni dagli uomini.
Inauguriamo un percorso di divulgazione e dibattito sui sistemi di comunicazione museale partendo da un esempio d’eccellenza in questo campo come i Mercati di Traiano e il Museo dei Fori Imperiali in essi ospitato dal 2007, nell’ambito del Sistema dei Musei Civici della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali di Roma.
Non è che una fiaba che il duca di York, al pari di altri sovrani, farà progettare a Pietro da Cortona il Casino maggiore del Pigneto ai margini della tenuta della Casina di Pio V (fg1d, fg 1e: Uffizi), o Casaletto di Pio V nella Cartografia di Francesco Contini (Catasto Alessandrino, ASR), edificata da Giorgio Vasari non lontano dal Casaletto Chigi (fg1a, b, c) “di Massinaghi” (Lanciani 1902) alla Pineta Sacchetti, che mostrerà almeno un fornice del suo loggiato anche nelle approssimazioni cartografiche alessandrine. Una riserva che sarà appartenuta al cardinale Giulio Cesare Sacchetti, quando Gian Lorenzo Bernini avrebbe pronosticato: 
Mercoledì, 21 Giugno 2017 21:54

Lezioni non apprese

Nel giorno in cui il recente sisma in Italia Centrale ha fatto crollare ancora monumenti e edifici comuni, ci siamo resi conto, ancora una volta, della fragilità e della vulnerabilità del costruito. Solo in momenti simili constatiamo che quanto si è fatto in precedenza per la prevenzione non basta ancora.
Caravaggio si dipinge nei panni di uno Zoppo come una statua di Pigmalione nel cantiere della Cappella Contarelli. A figura intera dietro Giovanni Baglione di spalle con il suo Caravaggino, l’autoritratto commosso del Martirio di S. Matteo a S. Luigi dei Francesi. Alla scuola di Zeusi fra la moltitudine… dalla costola di Eva nisi fabula est, Artemisia Gentileschi
Martedì, 03 Gennaio 2017 11:13

Non solo 3D

Con mille visitatori, 80 relatori, 28 sponsor e 19 patrocini, si è chiuso TECHNOLOGY for ALL 2016, cominciato nella splendida cornice dell’Area di Massenzio sulla Via Appia Antica a Roma e svoltosi nelle due giornate seguenti negli spazi articolati e nelle sale dell’Auditorium della Biblioteca Nazionale Centrale (BNCR). Tanti i risultati raggiunti ed i dati rilevati nel corso delle attività sul campo.
Tempo fa nacque a Roma una interessante “colonna” tecnologica eretta per il Monitoraggio Geomatico dei Monumenti voluto dal Comune di Roma per il controllo di staticità durante i lavori di costruzione della Metropolitana Linea C.
Cecilia Metella La sonorità di una tromba era rilevata nell'estensione del parco del Mausoleo di Cecilia Metella sull'Appia antica per la sua eco ripetuta fino a cinque volte dai ruderi del sito, i cui effetti di cassa armonica, da una cava della colata basaltica nelle fondazioni, venivano apprezzati ancora alla metà del Cinquecento. Nel 1547 Eufrosino della Volpaia aveva identificato il campo denominato Capo di Bove con la sua Torre e nel 1548 Lucio Fauno, distinguendo tipologicamente due edifici, un tempio ed un opificio, avrà identificato quest'ultimo con la torre dei 'Metelli'.
Pagina 1 di 3

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo