Il progetto AMOR: un progetto di salvaguardia e fruizione “circolari”

Stampa

Il progetto AMOR (Advanced Multimedia and Observation services for the Rome cultural heritage ecosystem) è un progetto cofinanziato da ASI (Agenzia spaziale Italiana), supportato da ESA (European Space Agency) e coordinato da MiC (Ministero della Cultura), rispondente alla call di ESA 5G for L’ART (Business Applications programme). AMOR, volto a raffinare servizi già esistenti e a svilupparne nuovi nell’ambito di Salvaguardia e Fruizione dei Beni Culturali, è giunto alla fase di inizio delle attività di sviluppo, cui seguirà la fase di dimostrazione nel 2022.

Gli scenari dimostrativi, presso cui sono state già svolte alcune attività sul campo, sono il suggestivo complesso archeologico delle Terme di Caracalla e un tratto meridionale delle poderose Mura Aureliane (da porta San Sebastiano a Porta Latina) di competenza, rispettivamente, della Soprintendenza speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma e della Sovrintendenza capitolina ai Beni Culturali di Roma, direttamente e attivamente coinvolte fin dalle prime fasi di progetto.

Relativamente ai servizi di salvaguardia, nei mesi di giugno e luglio sono state condotte le prime attività sul campo che hanno riguardato prospezioni del sottosuolo e di strutture verticali con sistemi GPR e sorvoli con sistemi UAV equipaggiati, questi ultimi, con opportuna sensoristica atta al rilevamento di fenomeni di degrado delle superfici dei monumenti. È stata inoltre eseguita un’analisi interferometrica (PS InSAR) su tutto il centro storico, con particolare focus sulle aree sopra menzionate, i cui risultati – in forma di report e layer - sono stati già consegnati agli utenti finali e la cui distribuzione viene effettuata, per questo e per tutti gli output di progetto, per mezzo della piattaforma St’ART®.

I servizi di fruizione, che metteranno a disposizione dei visitatori una mobile app, sono stati pensati per offrire al turista culturale  solo contenuti multimediali approvati dalle Istituzioni responsabili di quei monumenti, ma anche per proporre esperienze innovative e coinvolgenti attraverso l’offerta di modelli 3D resi fruibili in Realtà Mista direttamente da dispositivo mobile personale, in piena aderenza alle normative anti COVID-19.

Inoltre, l’app di fruizione laddove abilitata la funzione di posizionamento sul cellulare e nel pieno rispetto delle normative vigenti sulla privacy, permetterà anche di analizzare e derivare altri tipi di informazioni (data analytics), quali i tempi di permanenza in un’area, le aree più visitate (anche per la comprensione dei principali punti di assembramento), i giorni di maggiore frequentazione. I risultati derivati saranno messi a disposizione dell’utente Pubblica Amministrazione che sarà, in tal modo, in grado di prendere provvedimenti conseguentemente alla consapevolezza acquisita e nell’ottica di una salvaguardia circolare, secondo lo schema salvaguardia - conservazione - valorizzazione – fruizione – salvaguardia, pienamente rispondente alle strategie del MiC che, il 14 giugno scorso, ha presentato attraverso una conferenza stampa tenuta congiuntamente con ASI ed ESA, i progetti 5G for l’ART in corso su Roma, tra cui AMOR.

Pertanto, è evidente come a oggi le moderne tecnologie informatiche, congiuntamente alle informazioni derivate da sensoristica aerospaziale e terrestre, consentano di mettere a disposizione degli esperti servizi innovativi per una gestione integrata del sito, in grado di fornire un approccio preventivo per la salvaguardia e conservazione dei beni immobili, con importante risparmio economico rispetto agli interventi di rilevamento effettuati in post-emergenza, così circoscrivibili alle zone danneggiate, nonché un’evoluzione dei servizi di fruizione, volta anch’essa al raffinamento degli aspetti di salvaguardia e al miglioramento dei ritorni economici.

Per informazioni visitare il sito:

https://business.esa.int/projects/amor

https://www.youtube.com/watch?v=Mr0G9ZYIcb8

https://www.nais-solutions.it/amor/


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.archeomatica.it/

Sostieni la rivista Archeomatica ed il sito Archeomatica.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata ai beni culturali, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.

Abbonatevi CLICCANDO QUI